Category

INFORMAZIONE

A4.1
INFORMAZIONE

Se l’Europa si ferma a Cessalto

Può l’Europa delle merci e delle persone, alla vigilia della ripresa post pandemia, nel cuore di una delle regioni più industrializzate del mondo, fermarsi a Cessalto? È esattamente ciò che sta accadendo nell’imbuto dell’autostrada A4, nel tratto veneto tra San Donà di Piave e Portogruaro, dove manca la Terza corsia, e dove quasi ogni giorno si registrano incidenti, vittime, ritardi e disagi alla circolazione. Un canale di Suez su gomma dove basta la distrazione di un automobilista o di un camionista per fermare l’economia europea per mezza giornata. L’ennesima conferma ieri mattina: un tamponamento con tre autoarticolati, un autista bosniaco gravissimo in ospedale, quattro ore di stop dell’autostrada e altrettante d’inferno nella viabilità ordinaria dove resiste la mussoliniana Triestina. Perchè strade nuove, da allora, non ne sono state più fatte. E l’autostrada stessa, in quel tratto, risale al 1970: mezzo secolo fa. Soluzioni? Completare la terza corsia nell’ultimo tratto rimasto, 27 chilometri tra il casello di Noventa di…

Continue reading
Turismo11
INFORMAZIONE, STORIE

L’Anno Zero del turismo a Venezia: un punto

L’ultimo anno del turismo di massa, non fosse stato interrotto dall’acqua alta del 12 novembre 2019, avrebbe fatto segnare l’ennesimo, straordinario record. Cinque milioni e mezzo di turisti nel solo Comune di Venezia capaci di produrre 13 milioni di notti d’albergo (le presenze). Nonostante gli ultimi due mesi dell’anno perduti, il cruscotto turistico 2019 ha segnato un aumento del 5% di arrivi e del 7 per cento di presenze. Negli ultimi cinque anni (2015-2019) il turismo a Venezia è cresciuto del 25%. Una macchina da record: fino al 2019. Per dare un’idea, nei primi dieci mesi del 2020 la città ha registrato 1,3 milioni di arrivi, l’80 per cento in meno. Spostando lo sguardo al turismo balneare, Venezia è l’area che detiene un primato nazionale: Cavallino, Jesolo, Bibione e Caorle insieme fanno 3,9 milioni di arrivi e 21 milioni di notti in campeggio o strutture ricettive. Praticamente viene prodotto qui,…

Continue reading
Spv17
INFORMAZIONE

Il muro

  Ogni mattina, aprendo il balcone delle camere, l’impressione è quella di trovarsi dentro un carcere di massima sicurezza. Il sole non sorge mai prima delle dieci e anche d’estate scende oltre l’orizzonte due ore prima del normale. La casa della famiglia Tesser è letteralmente circondata da un muro grigio, alto quattro metri, che separa il giardino dalla Superstrada Pedemontana Veneta, il nastro d’asfalto che sta tagliando in due la pianura trevigiana. L’effetto visivo di queste barriere fonoassorbenti, in cemento armato, lunghe centinaia di metri, è in tutti i sensi assordante. Un caso limite, certamente, frutto probabilmente di una frettolosa trattativa mai giunta a compimento tra l’impresa di costruzioni e questa famiglia che si è trovata, nel breve volgere di pochi mesi, la propria abitazione in aperta campagna trasformata in un caseggiato compreso tra un groviglio di raccordi e di svincoli da casello autostradale. Siamo in via Cal Trevisana, dove…

Continue reading
TombaBrion
INFORMAZIONE

Il sindaco che firmò la licenza edilizia alla Tomba Brion di Carlo Scarpa

Arrivano da tutto il mondo per ammirarne la profondità e il significato architettonico, sintesi estrema della vita e della morte. Ma il mondo ha rischiato di privarsi del più straordinario tra i capolavori di Carlo Scarpa per le resistenze locali a un progetto esagerato, poco in sintonia con le condizioni economico sociali del paesino trevigiano di San Vito d’Altivole. Faraonico A raccontare i retroscena è colui che fu il sindaco di quella stagione, il democristiano Mario Gazzola, 85 anni portati benissimo, che firmò la licenza edilizia – datata 6 marzo 1970 – per la costruzione della tomba di famiglia Brion. «Il dibattito a livello di giunta e di consiglio comunale fu subito piuttosto vivace» spiega Gazzola. «La grandiosità del progetto, che via via prendeva consistenza, era ritenuto da non pochi amministratori faraonico, poco in sintonia con le condizioni economico-sociali del territorio altivolese, caratterizzate da arretratezza, sottosviluppo, emigrazione». Se vogliamo poi…

Continue reading
Il salone della Bna, il 12 dicembre 1969
INFORMAZIONE, STORIE

Guido Lorenzon, il testimone

ARCADE (TREVISO) «Io ci sono, ora come allora. Ho visto cose, non ho taciuto. Certo che lo rifarei, non ho mai avuto alcun dubbio». Guido Lorenzon è – da cinquant’anni – «il testimone» di piazza Fontana, condannato da allora a rivivere ogni giorno del 1969, l’anno che ha cambiato la storia d’Italia aprendo la stagione delle stragi e della strategia della tensione. L’insegnante di Varago di Maserada denunciò l’amico Giovanni Ventura rivelando le sue confidenze, che inizialmente riteneva poco più di “ganassate”, sui preparativi della bomba e sulle esplosioni ai treni che precedettero quel terribile autunno. La sua testimonianza è stato un imprevisto nel raffinato ingranaggio escogitato dalla Fabbrica di depistaggi, che aveva confezionato su misura l’abito del perfetto colpevole sul ballerino anarchico Pietro Valpreda. Tre giorni dopo la strage Guido Lorenzon, guardando in televisione la diretta dei funerali delle vittime, illuminò quei frammenti di racconto dell’amico e finalmente capì….

Continue reading
Ascogruppo
INFORMAZIONE

Quello che ho capito del caso Ascopiave, ad agosto 2018

Più che la distribuzione del gas, da due anni a questa parte la società distilla veleni: giudiziari e politici. Una situazione che, agli occhi dei nostalgici della Prima Repubblica, sta umiliando la visione di Francesco Fabbri, senatore e ministro di Pieve di Soligo, che nel 1956 aveva costituito il Bim Piave metanizzando la Pedemontana trevigiana prima della grande crisi petrolifera, un’intuizione da paese scandinavo. Ma perché lo scontro è così forte? Quali le posizioni? Quali gli interessi in gioco? Cosa c’entra la politica? Asco Holding è una società per azioni controllata a maggioranza da 92 Comuni, con sede a Pieve di Soligo e guidata da un assicuratore di Vittorio Veneto, Giorgio Della Giustina, già braccio destro del segretario regionale della Lega Toni Da Re. Prima di lui, presidente è stata Silvia Rizzotto, consigliere regionale della Lista Zaia. La società detiene il controllo di Ascopiave, la società di distribuzione del gas…

Continue reading